FASCIA XYLELLA

#DIFENDIAMOGLIULIVI

UCCIDETE QUELLA FORESTA. ATTACCO AGLI ULIVI SECOLARI DEL SALENTO

PER INFORMAZIONI: info@xylellareport.it    0833 1938257    393-9801141      SOS – Salviamo Ora il Salento – 

  • Xylella Report su Rai Uno

    Guido Barlozzetti intervista Marilù Mastrogiovanni (17/02/2016)

  • Mastrogiovanni su Rai News 24

    Per parlare di libertà di informazione e xylella
    (dal min. 10:30 al 16:30)

  • No alla trattativa #mafiaxylella

    Mastrogiovanni interviene alla manifestazione
    di solidarietà con Nino Di Matteo (Roma, 14/11/2015)

  • Marilù Mastrogiovanni
    su Rai Uno

    Gemma Favia intervista la giornalista su
    IL CAFFE' DI RAI UNO del 4 settembre 2015

  • Xylella Report su Euronews

    Un racconto corale. Luci e ombre
    sul disseccamento rapido degli ulivi in Puglia

  • L'oliveto di comunità

    Una storia unica al mondo che altri hanno già scritto.
    Noi dobbiamo solo raccontarla.

  • Xylella, una presa di coscienza possibile

    Intervista del Dott. Giuseppe Negro
    a M.Mastrogiovanni

  • Emergenza Xylella? Forse

    Servizio di Pino Ciociola

  • Xylella Report - seconda puntata

    Soldi. Dirottati, spesi male, gestiti senza trasparenza.
    La xylella è un piatto ricco per tutti, ecco perché

  • TG3 Puglia: intervista a
    Marilù Mastrogiovanni

    12 maggio 2015: confronto negli studi Rai sull'affaire Xylella
    tra i giornalisti Piccoli, Patruno e Mastrogiovanni

  • 3 maggio 2015: Marilù
    Mastrogiovanni presenta il libro

    Presentazione ufficiale di Xylella report
    a Veglie (Le) presso il presidio a difesa degli ulivi

  • E' uscito il libro-inchiesta

    Cerca Xyella Report in tutte le librerie indipendenti di Puglia
    oppure ordinalo inviando un'email a info@xylellareport.it

  • Manca la prova causa-effetto
    xylella-disseccamento ulivi

    Da Cristos Xiloyannis (Università Basilicata) molti dubbi sul Piano Silletti

  • Diceva Donato Boscia un anno e mezzo fa

    Poi è nato il Piano Silletti: per fare cose che non si possono fare,
    ma per fare le quali servono molti soldi

  • 29 marzo 2015 - Piazza Sant'Oronzo - Lecce

    Videoreportage di Marilù Mastrogiovanni (riprese e montaggio di Federica D'Ippolito)

  • Sabina Guzzanti intervista Marilù Mastrogiovanni

    Autrice della prima inchiesta sulla xylella, pubblicata su Il Tacco d'Italia nel maggio 2014

  • Il promo del documentario Xylella Report

    Nonostante la "smentita" di Marina Barba le sue parole suonano con chiarezza...

2105, 2016

Xylella, Marilù Mastrogiovanni intervistata dal M5S Europa

Marilù Mastrogiovanni in visita al Parlamento europeo con le studentesse e gli studenti del corso di Giornalismo web e social del Liceo Classico Les e LSU di Casarano (Le), che hanno incontrato la parlamentare Rosa D’amato, racconta alle telecamere del Movimento 5 Stelle Europa come è nata ed è stata montata l’emergenza xylella in Puglia e in Italia; quali devastazioni paesaggistiche attendono al varco, fra sette anni, la Puglia; come e perché sia in pericolo l’identità di un intero popolo.
Sradicare un ulivo secolare non è come sradicare una semplice pianta d’oleandro. Un ulivo secolare è un tassello di Storia: semplicemente non si può toccare. […]

1305, 2016

Xylella.”Sradicare è giusto”. La mannaia dell’avvocatura della Corte Ue

12/05/2016  – L’avvocato generale Yves Bot della Corte di giustizia europea, interpellata dal Tar del Lazio sui ricorsi di alcuni agricoltori della Provincia di Brindisi, non riscontra alcuna irregolarità né violazione della norme e dei trattati europei nelle decisioni assunte dalla Commissione europea e recepite dal Ministero delle Politiche agricole per bloccare la presunta avanzata del batterio Xylella fastidiosa in Puglia. L’avvocatura è stata interpellata poiché il giudice della Corte ha disposto il rito accelerato. […]

2004, 2016

Xylella. De Bellis: “Report Efsa, quei punti da chiarire”

di Giorgio Doveri

E’ la xylella la causa principale del disseccamento degli ulivi in Puglia? O è l’unica causa? E se è solo una delle concause, quali sono le altre? Dopo quasi tre anni dalla prima comunicazione del ritrovamento del batterio, inviata dalla Regione Puglia alla Ue, i dubbi sono ancora numerosi.

L’ultima ricerca finanziata con soldi pubblici da EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) al CNR di Bari, ha presentato dei risultati parziali, che necessitano di ulteriori approfondimenti e ricerche (CLICCA QUI). […]

1804, 2016

Xylella. Puglia e Ue concordi a sradicare ulivi infetti. Nessuna risposta su ceppo e cure

Sradicamento ulivi, avanti tutta.

Nel giro di 8 giorni, dal 30 marzo all’8 aprile pare essersi rafforzato il collegamento Bari-Bruxelles, nel convincimento che l’unica soluzione possibile per contrastare il presunto avanzamento del batterio della xylella fastidiosa verso il nord dell’Italia, e quindi dell’Europa, sia lo sradicamento delle piante. Infette e no.

Unico argine alla devastazione ambientale che si profila all’orizzonte, il decreto di sequestro della Procura di Lecce. Cerchiamo perciò di capire gli ultimi sviluppi della vicenda. […]

104, 2016

Xylella, tranquilli. Fra 7 anni si può costruire

Dopo lunghe traversie (CLICCA QUI) la legge killer degli ulivi è stata modificata e approvata.

L’accordo è stato trovato nel diminuire la durata del divieto a costruire negli uliveti colpiti da disseccamento, dovuto a Xylella o a Co.di.ro: il divieto ora è di 7 anni.

La legge regionale (n.41 del 2014), fu approvata dal Consiglio regionale pugliese quando era presidente della giunta Nichi Vendola e prima che fosse dichiarato dal Governo lo stato di emergenza da fitopatologia dovuto alla sola presenza di xylella fastidiosa. […]

3003, 2016

EFSA: “Xylella responsabile del disseccamento degli ulivi”. Ecco la seconda ricerca

di Marilù Mastrogiovanni

Il batterio della xylella fastidiosa provoca il disseccamento degli ulivi. Lo dicono i ricercatori del CNR di Bari, che hanno svolto uno studio sperimentale finanziato da EFSA, che ha poi pubblicato i risultati della ricerca.
Non si tratta di una pubblicazione su una rivista scientifica, ma del rapporto di una ricerca finanziata da EFSA con 60mila euro.
Un vero e proprio corto circuito: EFSA, deputata a valutare lo stato della ricerca scientifica e i rischi per la salute connessi ad alcune scelte sulle piante e sul cibo, finanzia una ricerca che poi è chiamata prima o poi a inserire nelle sue decisioni. Il valutatore e il valutato coincidono, insomma. […]